agosto 25, 2010

Non c’è niente

Non c’è niente.

Posso star fermo

a guardare e non

c’è pensiero di…

non c’è niente.

Come essere morti.

E se arrivasse giù

una bomba da sù

dal fottuto cielo,

cosa saprei fare?

Se mi trovassi

sbattuto in aria

coperto di terra

e sangue e merda di

qualcuno finito male,

cosa saprei fare?

E se continuasse

e continuasse a esplodere

questa terra in giro

e con muscoli rotti

e orecchie sanguinanti

cosa farei?

Col mondo che viene giù

cerca di entrarti dentro

e il suono ti assorbe,

cosa faresti?

E se a morire con

la pancia aperta da

una scheggia fossi io

Cosa penserei?

fra le lacrime il sangue la merda

della mia vita

fra polvere e urla

e sto cielo in fiamme

sta vita che si chiude

lontano da tutti

in mezzo al niente,

cosa farei di buono?

Cosa ci sarebbe da fare?

Se mi svegliassi e fosse

tutta un’ipotesi umana

concreta folle umana,

cosa deciderei di fare?

Prima che qualche stronzo lo faccia davvero,

cosa faccio?

Cosa voglio fare?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

About yamunin

[Luigi Chiarella, cittadino del mondo e viandante] Vivo a Vienna. Attore e drammaturgo, faccio teatro dal 1998. Nel 2001 con il collettivo teatrale Rossosimona vincemmo [ex aequo con Sud Costa Occidentale] il primo premio del Premio Scenario. Per il teatro ho scritto: Canti dall’inferno – il mare dentro il dolore, coautrice Roberta Cortese, [dai testi di Ramón Sampedro], coprod. Teatro Regio e Ass. Baretti 2007 in coll. con TST, ospite al Festival dei Due Mondi Spoleto Full Metal Kids, produzione Satyrikon 2011 Gerusalemme disvelata - da Torquato Tasso, coautrice Roberta Cortese, commissione CineTeatro Baretti 2008 Tra un impegno teatrale e l’altro ho lavorato anche come postino, venditore, magazziniere, libraio, operaio. Da una di queste esperienze è nato Diario di zona (ambientato a Torino dove ho vissuto e lavorato per circa 10 anni), inizialmente pubblicato a puntate sul blog Satyrikon e di recente pubblicazione per la casa editrice Alegre come primo numero della collana Quinto Tipo, diretta da Wu Ming 1. Dal 1987 scatto fotografie. Continuo a scrivere.

Categoria

appunti

Tag

,