In fase di editing è normale – credo auspicabile – che alcune parti di un testo vengano tagliate via o riscritte.
Anche per il Diario di zona è andata così, la riscrittura è stata una fatica e alcune cose le ho buttate via senza problemi. Altre invece le ho tenute da parte, il motivo è semplice: mi piacevano e continuano a piacermi, nonostante trovassi giusto il consiglio di eliminarle dal manoscritto prima di mandarlo in stampa.
La poesia che segue l’ho scritta ascoltando un signore che vendeva la sua frutta, a bordo di un camioncino, nel quartiere di Mirafiori Sud a Torino. Rileggerla mi fa sorridere. Buona lettura.

Il camioncino anticrisi

Avvicinatevi signori,
meloni della Sicilia. Meloni di Pachino
di Montechiaro, spettacolari.
Spettacolari veramente.
Poche casse da servire,
i primi sono più fortunati,
avvicinatevi signori.
A prezzi di regalo
a quattro euro ‘a cassa,
a meno di cinquanta centesimi a chilo,
tre euro la cassa ‘e melanzane.
Venite a toccare con mano
spettacolari veramente.
A prezzo di regalo.
Prezzo, qualità, risparmio.
Li vendiamo a la metà
della metà del metà prezzo,
dolcissimo melone.
Vi fate prosciutto e melone
per i vostri piccinini,
venite a curiosare,
la curiosità non si paga.
Venite a assaggiare,
l’assaggio non si paga.
A prezzo di regalo.
Assaggio gratuìto…
Oh, Pino!, dacci una cassa alla signora.

Annunci

Join the conversation! 3 Comments

  1. Ho letto il tuo libro quest’estate in vacanza. Mi è piaciuto, come ti ho già scritto via twitter. Trova una mediazione non troppo faticosa tra piacere estetico (si sorride spesso e a tratti si ride anche) e inchiesta sul presente. Lo consiglierei a buoni lettori o a compagni dal lavoro duro e/o precario. Per chi legge pochi libri, se non si sente vicino al punto di vista o al palanchino del narratore, trecento pagine possono diventare un itinerario ripetitivo, una pedalata in salita. Insomma, voglio dire che il documento si mangia un po’ di piacere. Se fossi stato il tuo editore, ti avrei chiesto di tagliare di più. Ma in fondo, che male ci fanno quelle trenta quaranta pagine… Sono stato contento di averle lette.
    C’è qualcos’altro che disturba. Ora che hai la mia mail puoi chiedermelo. Qui non lo scrivo! L.

    Rispondi
  2. Ciao, L., intanto grazie per il commento.
    Il testo ha subito una riscrittura e alcune parti furono cestinate definitivamente, altre messe da parte e una di queste è “il camioncino anticrisi”. La ripetitività è quella del lavoro quotidiano, dell’alienazione, del vivere. A meno di scrivere di qualcos’altro credo sia difficile sfuggirne “non si sfugge alla macchina” cito da Deleuze nel Diario di zona, ed è proprio questo che il libro testimonia con tutte le sue imperfezioni.
    Grazie ancora.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About yamunin

[Luigi Chiarella, cittadino del mondo e viandante] Vivo a Vienna. Attore e drammaturgo, faccio teatro dal 1998. Nel 2001 con il collettivo teatrale Rossosimona vincemmo [ex aequo con Sud Costa Occidentale] il primo premio del Premio Scenario. Per il teatro ho scritto: Canti dall’inferno – il mare dentro il dolore, coautrice Roberta Cortese, [dai testi di Ramón Sampedro], coprod. Teatro Regio e Ass. Baretti 2007 in coll. con TST, ospite al Festival dei Due Mondi Spoleto Full Metal Kids, produzione Satyrikon 2011 Gerusalemme disvelata - da Torquato Tasso, coautrice Roberta Cortese, commissione CineTeatro Baretti 2008 Tra un impegno teatrale e l’altro ho lavorato anche come postino, venditore, magazziniere, libraio, operaio. Da una di queste esperienze è nato Diario di zona (ambientato a Torino dove ho vissuto e lavorato per circa 10 anni), inizialmente pubblicato a puntate sul blog Satyrikon e di recente pubblicazione per la casa editrice Alegre come primo numero della collana Quinto Tipo, diretta da Wu Ming 1. Dal 1987 scatto fotografie. Continuo a scrivere.

Categoria

strada, suoni

Tag

, , ,