Nel post che ha pubblicato su Facebook, Manolo Muoio – di cui mi onoro d’essere ancora in qualche modo compagno di viaggio – racconta una vicenda di rimozione. una vicenda tutta interna alla scena del teatro di ricerca italiano. una vicenda che tocca un collettivo di lavoro, una compagnia. e tocca anche me, ero anch’io all’interno del gruppo Teatro Rossosimona. e la vicenda mi fa ancora rabbia. ero giovane, credevo di non essere capace e di non saper gestire i rapporti con i teatri, con gli uffici di distribuzione. molto probabile che fosse così, avevo poco più di vent’anni. poi è maturata una consapevolezza: quella di non far parte di un certo mondo, di un *giro*. ne eravamo esclusi. e questo va oltre le capacità di gestione di una compagnia, di un collettivo, figuriamoci di un singolo agli inizi di un percorso. va bene così, si dice. va bene un cazzo. è questione di stile. “poi si invecchia e ci si rede conto…” scrisse Coupland. ma noi siamo ancora qua, i nostri lavori hanno lasciato una traccia. basta saper guardare. noi continueremo il nostro viaggio, ognuno a suo modo. ognuno col suo stile. magari in campi diversi. abbiamo un bagaglio fatto di lavoro quotidiano, metodico, di qualità, una cassetta degli attrezzi che possiamo applicare in qualunque campo. con una qualità “evidente anche a un bambino”. parafrasando una frase di Gomorra (che resta un gran libro, nonostante Saviano): Maledetti bastardi, siamo ancora vivi.

il post di Manolo lo trovate qui -> Scenari desolanti
buona lettura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

About yamunin

[Luigi Chiarella, cittadino del mondo e viandante] Vivo a Vienna. Attore e drammaturgo, faccio teatro dal 1998. Nel 2001 con il collettivo teatrale Rossosimona vincemmo [ex aequo con Sud Costa Occidentale] il primo premio del Premio Scenario. Per il teatro ho scritto: Canti dall’inferno – il mare dentro il dolore, coautrice Roberta Cortese, [dai testi di Ramón Sampedro], coprod. Teatro Regio e Ass. Baretti 2007 in coll. con TST, ospite al Festival dei Due Mondi Spoleto Full Metal Kids, produzione Satyrikon 2011 Gerusalemme disvelata - da Torquato Tasso, coautrice Roberta Cortese, commissione CineTeatro Baretti 2008 Tra un impegno teatrale e l’altro ho lavorato anche come postino, venditore, magazziniere, libraio, operaio. Da una di queste esperienze è nato Diario di zona (ambientato a Torino dove ho vissuto e lavorato per circa 10 anni), inizialmente pubblicato a puntate sul blog Satyrikon e di recente pubblicazione per la casa editrice Alegre come primo numero della collana Quinto Tipo, diretta da Wu Ming 1. Dal 1987 scatto fotografie. Continuo a scrivere.

Categoria

appunti