marzo 16, 2017

Descrizioni, trascrizioni.

Gambe storte e corte, piedi a papera, pancia gonfia, pancia da birra, maglietta sudata, voce stridula; cammina come se si fosse appena cacato nei pantaloni; culo basso, braccia lunghe, gambe corte, bacino spostato in avanti, capelli corti e occhiali a specchio. Potrebbe essere una guardia, o un cameriere. Uno fra tanti. A scelta.

Deficienti! Cazzo siete… Di là, DI LA’! BASTARDI! Andate a fare in culo, andate! [parola inconprensibile] Forza, oh! Via di lì, eh. E veloce! Quickly quickly. Vaffanculo vieni su.

Il mare è calmo, azzurro, si stende lontano.
Sugli scogli è l’orrore.
Un ragazzo si tuffa, con scarpe e vestiti addosso.
Un ragazzo scappa. Nel mare azzurro che si stende lontano.
Si tuffa per andare via.
Via lontano.

Tiralo su, oh vieni qua, forza!
Pezzi di merda.
Dai! Qua, qua! Forza! [parole incomprensibili] Ora!

Una mano guantata corre al manganello appeso alla cintura, dietro uno scudo di plexiglas, una divisa nera sotto un sole giallo, contro un mare blu; un manganello nero si leva in aria, una mano guantata impugna un manganello. Da qualche parte nel mondo una testa si squarcia. Il rosso sgorga ancora e ancora e ancora.

Vieni di qua! Comando io, non te, siamo a casa mia qua, in Italia – siamo in Italia – Comando io-
– Eh. Allora? Cosa c’è?
– Niente, sono un giornalista, sto riprendendo.
– Per favore te ne puoi andare?!

Una mano contro la lente, lo sguardo scivola sull’asfalto, impronte restano sul vetro.

Qual è il problema? Non capisco. Mi allontano ma qual è?…
Vada di là, via, forza!

Plexiglas contro una lente, contro un corpo, cosa può un corpo? La presenza, la testimonianza; si oppone il plexiglas retto da mano guantata, spinge, colpisce, allontana, una superficie in plexiglas e una mano guantata; dietro il nero della divisa, un pezzo di mare blu, spuma sugli scogli. Uomini in fuga.

– Me ne vado, me ne vado.
– Le dico di andare di là!
Questa è un’operazione di polizia. Vada!
– Calma, calma.
– Vada via!
– Sono un giornalista.
– Un pubblico ufficiale le ha detto di andare via. Vada, vada! Vada senza voltarsi, vada.

Raggi di sole riverberano sulle lenti, sugli occhiali a specchio, mani guantate scivolano su manganelli.

– Guardi che se glielo ripeto di nuovo la accompagno nei nostri uffici.
– E’ un mio diritto!
– Ce l’ha un documento?

L’occhio meccanico puntato in basso si rialza, incontra lo specchio degli occhiali, orbite vuote, un teschio. L’orrore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

About yamunin

[Luigi Chiarella, cittadino del mondo e viandante] Vivo a Vienna. Attore e drammaturgo, faccio teatro dal 1998. Nel 2001 con il collettivo teatrale Rossosimona vincemmo [ex aequo con Sud Costa Occidentale] il primo premio del Premio Scenario. Per il teatro ho scritto: Canti dall’inferno – il mare dentro il dolore, coautrice Roberta Cortese, [dai testi di Ramón Sampedro], coprod. Teatro Regio e Ass. Baretti 2007 in coll. con TST, ospite al Festival dei Due Mondi Spoleto Full Metal Kids, produzione Satyrikon 2011 Gerusalemme disvelata - da Torquato Tasso, coautrice Roberta Cortese, commissione CineTeatro Baretti 2008 Tra un impegno teatrale e l’altro ho lavorato anche come postino, venditore, magazziniere, libraio, operaio. Da una di queste esperienze è nato Diario di zona (ambientato a Torino dove ho vissuto e lavorato per circa 10 anni), inizialmente pubblicato a puntate sul blog Satyrikon e di recente pubblicazione per la casa editrice Alegre come primo numero della collana Quinto Tipo, diretta da Wu Ming 1. Dal 1987 scatto fotografie. Continuo a scrivere.

Categoria

appunti